Milano Marittima (RA) – INU Emilia Romagna organizza la Summer School sugli “Strumenti finanziari per i progetti di trasformazione urbana e di sviluppo locale: contenuti e modalità operative”.

L’obiettivo della Summer School è quello di fornire ai partecipanti competenze tecnico-operative utili a progettare e gestire interventi complessi di rigenerazione e riqualificazione urbana, utilizzando idonei strumenti organizzativi e finanziari.

Marco Marcatili di Nomisma parteciperà come relatore nel corso della prima giornata.

Programma

Pubblicato in News

In Emilia Romagna sono oltre 1.500 le attività commerciali e i pubblici esercizi che rischiano di chiudere a causa della concorrenza esercitata da attività che beneficiano di “regimi agevolati” (quali ad esempio mercatini degli hobbisti, attività temporanee di somministrazione di cibi e bevande in fiere, sagre, feste di paese, circoli privati/associazioni…), attività che seppur lecite - in quanto disciplinate da leggi statali/regionali e/o autorizzate dall’ente locale del territorio nel quale sono organizzate - godono di procedure più snelle (di tipo burocratico, autorizzativo, fiscale...). In un contesto di congiuntura assai debole tali attività sono percepite dalle imprese del commercio e dei pubblici esercizi dell’Emilia Romagna come forme di concorrenza ”sleale”.

Se 1.500 imprese rischiano di chiudere a causa di tale concorrenza, vi sono inoltre 55 mila aziende dell’Emilia Romagna (oltre il 60% del totale commercio+pubblici esercizi) che, pur non rischiando di chiudere, individuano nei regimi agevolati una componente che comprime, assieme alla congiuntura negativa, il giro d’affari della propria attività.

Alla concorrenza esercitata dalle attività agevolate, si aggiungono le difficoltà derivanti dal fenomeno dell’abusivismo commerciale e della contraffazione. Sono 10.000 le attività commerciali che in Regione risentono negativamente degli effetti dell’abusivismo commerciale.

Quello che maggiormente preoccupa è l’impatto socio-economico di tali fenomeni. L’abusivismo commerciale sottrae alle imprese del commercio della regione Emilia Romagna oltre 500 milioni di fatturato ogni anno (2,2% del fatturato del comparto). A questa cifra già significativa va aggiunto il fatturato sottratto a commercio e pubblici esercizi dai regimi agevolati (334 milioni di euro). Gli effetti della concorrenza derivante dai regimi agevolati sono rilevanti anche in relazione all’occupazione: sono 5.500 i posti di lavoro a rischio (sia per chiusura totale dell’esercizio sia per ridimensionamento del personale a causa del ridotto giro d’affari derivante da attività agevolate).

I 3 fenomeni (abusivismo commerciale, prodotti contraffatti, concorrenza da “regimi agevolati”) si inseriscono in un contesto già molto critico per le imprese. Gli esercizi commerciali vedono infatti in pressione fiscale (considerando l’insieme delle citazioni, il 70% delle imprese segnala tale fattore come un problema molto importante), aumento dell’imposizione a livello locale - TARI, IMU, … (indicato dal 31% delle imprese regionali del commercio) e debolezza congiunturale (30%) i maggiori fattori di criticità per la propria attività aziendale. Anche i pubblici esercizi segnalano analoghi fattori di difficoltà: pressione fiscale troppo alta (70%) e imposizione locale in forte aumento (47%) a cui va aggiunto l’elevato costo di energie e altre utenze. In questo contesto già molto, difficile abusivismo commerciale, prodotti contraffatti, concorrenza da “regimi agevolati” rappresentano comunque problemi molto sentiti: 4 imprese su 10 ritengono questi fenomeni critici e urgenti da risolvere. Questi sono alcuni dei dati emersi dello studio curato da Nomisma per conto di Confesercenti Emilia Romagna e presentata in occasione dell’assemblea regionale dell’Associazione tenutasi a Bologna il 23 Ottobre.

L’impatto dell’abusivismo commerciale e delle attività “agevolate” sull’economia dell’Emilia Romagna”, questo il nome della ricerca realizzata da Nomisma che mira a fare chiarezza innanzitutto su abusivismo commerciale e contraffazione. La vendita di beni e servizi al di fuori di spazi, regole e autorizzazioni – nel primo caso - e la vendita di merci contraffatte, ovvero che riportino marchi di fabbrica, loghi, etichette e imballaggi del tutto indistinguibili da quelli validamente registrati dai titolari del marchio – nel secondo.

Accanto a queste due attività del tutto illegali, lo studio Nomisma fa luce anche sulle forme di concorrenza derivante da attività che– seppur lecite – godono di regimi agevolati tali da svantaggiare gli esercizi commerciali e i pubblici esercizi: è il caso di mercatini di vario tipo, a partire da quelli del “riuso”. Simili disposizioni privilegiate riguardano anche la somministrazione di alimenti e bevande esercitate in forma di attività temporanea presso fiere, sagre, circoli privati, associazioni e in occasione di altri eventi ludico-ricreativi.

Lo studio Nomisma fa luce, per la prima volta, su tali fenomeni contestualizzando l’analisi in Emilia Romagna. Il metodo è certamente l’innovazione che contraddistingue lo studio di Nomisma voluto da Confesercenti Emilia Romagna: l’implementazione di un sistema di indagini dirette (su imprese, referenti comunali del commercio, polizia municipale) è il fulcro dell’attività di ricerca grazie al quale, per la prima volta, vi sono oggi a disposizione dati, opinioni e percezioni su tali fenomeni. La necessità di organizzare una rilevazione diretta nasce come risposta al fatto che tali fenomeni non hanno ancora un puntuale riscontro nelle fonti ufficiali.

I dati della ricerca evidenziano un fatturato di 526 milioni di euro per l’abusivismo commerciale in Emilia Romagna - pari al 6% del totale registrato in tutta Italia - fenomeno che ha riflessi sull’attività di oltre 10 mila esercizi commerciali in tutta la regione. Ammontano invece a 6 mila gli esercizi commerciali che risentono delle problematiche relative alla contraffazione. La percezione delle imprese dell’Emilia Romagna su questi fenomeni parla chiaro: se è consolidato che la pressione fiscale troppo alta sia la prima preoccupazione (problematica citata dal 70% delle imprese del commercio), abusivismo e contraffazione sono tematiche che rappresentano un elemento di forte criticità per il 27% delle imprese (con valutazione analoga ad altri fattori quali la domanda debole 30% e l’aumento dell’imposizione a livello locale, 31%).

Un quadro preoccupante è inoltre quello che concerne la concorrenza sulle imprese del commercio e dei pubblici esercizi che deriva dalle attività che beneficiano di regimi agevolati. Tali attività sottraggono un fatturato di oltre 330 milioni di euro ed incidono negativamente su 10.038 esercizi commerciali e 10.226 pubblici esercizi, di cui molti rischiano di chiudere la propria attività.

Nomisma ha stimato il numero di manifestazioni ludico-ricreative - quali sagre, fiere, feste di paese e altri eventi – presenti in Regione: sono oltre 9.700 le manifestazioni organizzate in Emilia Romagna ogni anno; di queste, sono 5.800 gli eventi in cui, grazie alla SCIA (Segnalazione certificata di inizio attività), si effettua la somministrazione di cibi e bevande mediante attività in forma temporanea.

In termini di giornate i numeri impressionano: sono quasi 20.000 le giornate legate a tali manifestazioni. Questo significa che in ogni comune in media vi sono 57 giornate ogni anno legate ad eventi quali feste, sagre, fiere. Tali numeri derivano dall’indagine diretta che ha coinvolto i referenti del commercio di tutti i comuni dell’Emilia Romagna, a cui hanno aderito 106 comuni. Accanto a tale mappatura, il quadro delle manifestazioni è stato completato attraverso i numeri derivanti dalle pubblicazioni dell’assessorato regionale del commercio e del turismo e dall’analisi della sitografia.

Tali numeri testimoniamo la preoccupazione delle imprese: somministrazione di cibi e bevande in sagre, fiere, circoli … è l’attività che, nella percezione delle imprese, sottrae più di altre giro d’affari ai pubblici esercizi (55% ha questa opinione). La valutazione delle imprese su tali eventi è legata al forte aumento di manifestazioni, non più necessariamente legate alla tradizione produttiva e alla conseguente promozione e valorizzazione del territorio e delle sue eccellenze. Gli esercizi commerciali soffrono invece maggiormente dei fenomeni legati alla vendita in strada (24%), in spiaggia (21%), durante mercatini occasionali (19%) e degli hobbisti (12%).

20141023 cs grafico1
Fonte: Survey Nomisma per CONFESERCENTI EMILIA ROMAGNA.

Quali soluzioni sollecitano le imprese dell’Emilia Romagna?

La prima richiesta riguarda la fiscalità: oltre il 50% delle imprese (sia del commercio che dei pubblici esercizi) chiedono che vi sia un regime fiscale identico per tutte le forme di vendita e somministrazione di cibi e bevande, invocando ogni forma di agevolazione. Ma le richieste non si fermano a questo: anche sul fronte autorizzativo è auspicabile vi siano analoghe condizioni per evitare asimmetrie tra le diverse forme di attività. Incrementare i controlli da parte delle forze dell’ordine è l’altra richiesta che viene soprattutto dalle imprese del commercio, che vedono le attività di verifica uno dei fattori utili a contrastare l’abusivismo commerciale e la contraffazione.

20141023 cs grafico2
Fonte: Survey Nomisma per CONFESERCENTI EMILIA ROMAGNA.

“I numeri raccolti da Nomisma con le indagini dirette” – afferma Silvia Zucconi Commercio e Consumi Nomisma – “parlano chiaro: il fatturato riconducibile a fenomeni illeciti quali abusivismo commerciale e contraffazione è davvero significativo, soprattutto duranti periodi di congiuntura molto debole: oltre 500 milioni di euro nel 2013, con un peso del 2,2% sul totale del fatturato di commercio e pubblici esercizi. ”

“E la concorrenza è forte” continua Silvia Zucconi Commercio e Consumi Nomisma “anche da parte di attività assolutamente lecite ma che beneficiano agevolazioni – che generano un giro d’affari di almeno 336 milioni di euro. Quando la situazione congiunturale è complessa occorre porre al centro questi numeri per valutare con grande attenzione le interdipendenze generate sul sistema imprenditoriale”.

“Se abbiamo sentito la necessità di affidare una ricerca a Nomisma su questi temi”ha spiegato il presidente della Confesercenti E.R. Roberto Manzoni - “è stato per dimostrare con numeri alla mano ciò che da tempo la nostra associazione va denunciando: l’abusivismo, l’illegalità e i regimi agevolati hanno un impatto devastante sul complesso delle attività commerciali e turistiche. Occorre rendersi conto che tutto ciò mette a grave rischio quelle migliaia di aziende che agiscono invece rispettando le norme, subendo gli effetti del peso di una fiscalità ormai insostenibile e di una burocrazia farraginosa e priva di buon senso. Tutto ciò con un’ovvia ricaduta anche dal punto di vista occupazionale.”

“E’ necessario perciò” – continua il presidente della Confesercenti E.R. Roberto Manzoni - “contrastare con tutti i mezzi ogni forma di abusivismo e di illegalità, regolamentando in maniera specifica e con controlli efficaci ad esempio le attività di somministrazione temporanea, come ne caso di fiere e sagre, che stanno diventando delle vere e proprie economie parallele fortemente agevolate. Occorre perciò mettere in grado le piccole e medie imprese di poter operare su un piano di equa concorrenza, di regole uguali per tutti, consapevoli del fatto che sono il motore trainante della ripresa economica di tutto il nostro paese e non solo della nostra regione.”

DOWNLOAD

CONTATTI

UFFICIO STAMPA CONFESERCENTI EMILIA ROMAGNA
Laura Pappacena Tel 347 7217960 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

UFFICIO STAMPA NOMISMA
Edoardo Caprino Tel. 339 5933457 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  
Giuseppina Petrina Tel. 3462109524 -Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Pubblicato in Comunicati Stampa

Bologna, Savoia Hotel Regency, ore 14.30 – Nell’ambito dell’Assemblea Regionale di Confesercenti Emilia Romagna, Silvia Zucconi, Coordinatore Area Agroalimentare, Commercio e Consumi, di Nomisma, presenta la ricerca “L’impatto dell’abusivismo commerciale sull’economia dell’Emilia Romagna”.

Pubblicato in News

Ore 14,15, Comune di Cento (FE). Relazione di Marco Marcatili sulla qualità delle ricostruzioni e sul valore economico del contesto.

Il progetto, promosso dal Centro Ricerche Urbane, Territoriali e Ambientali dell’Università di Ferrara, su mandato della Direzione Generale alla Programmazione Territoriale e della Struttura Commissariale per la Ricostruzione, è rivolto ai liberi professionisti e ai tecnici pubblici che operano nel comuni colpiti dal sisma del 2012 ed è finalizzato a fare il punto sulla complessa realtà dei centri storici ed i nuovi poli sorti dopo il sisma.

Programma

Pubblicato in News

Concordia (MO), ore 15.30 – Sergio De Nardis partecipa all’evento “Riparte l’Emilia riparte l’Italia” centrato sul tema della ripresa economica regionale e nazionale, e inserito nella programmazione del Green Social Festival.

INVITO

Pubblicato in News

Cesena, ore 15.00 - Intervento di Denis Pantini, Responsabile Agricoltura e Industria Alimentare di Nomisma, dal titolo “Le peculiarità del sistema agro-alimentare emiliano-romagnolo e le condizioni per lo sviluppo”

Programma

Pubblicato in News

Bologna, 21 novembre 2013 - CONFESERCENTI EMILIA ROMAGNA/NOMISMA: Piccole e medie imprese e famiglie in affanno se non riprende al più presto l’economia: far ripartire i consumi è indispensabile per uscire dalla recessione”.  E’ quanto emerge dall’Assemblea regionale Confesercenti Emilia Romagna.


“Secondo le previsioni, a livello regionale i consumi scenderanno più del Pil e registreranno, a fine 2013 un -2,4%; gli investimenti subiranno una contrazione del 6,6%, gli occupati caleranno del 2,7 % e il tasso di disoccupazione che nel 2009 era al 2,9%, toccherà l’8,9% per arrivare al 9,1% nel corso del 2014 – dichiara il presidente della Confesercenti E.R. Roberto Manzoni nella sua relazione tenuta all’interno dell’Assemblea Annuale Regionale Confesercenti Emilia Romagna. “La Confesercenti, per invertire questa drammatica tendenza, ha da tempo avanzato alcune proposte: sono necessarie  innanzitutto una vera spending review che aggredisca gli sprechi e l’avvio di una profonda riforma istituzionale; bisogna ridurre la pressione fiscale e rafforzare il ruolo e la solidità patrimoniale dei Confidi per consentire l’accesso al credito delle imprese; servono politiche turistiche in grado di sfruttare l’enorme potenzialità del settore; sono necessarie inoltre politiche del lavoro che incentivino l’occupazione, che prevedano, ad esempio, la riduzione dei costi dei contratti a tempo determinato e gli oneri per gli apprendisti, quelli più utilizzati nei settori del commercio, servizi e turismo. Inoltre – ha continuato Manzoni – serve un piano straordinario per le PMI delle città; è questo un appello che da tempo rivolgiamo, inascoltati, alle amministrazioni locali: occorre studiare misure di supporto, come ad esempio un Fondo vero e proprio a sostegno di  chi intende aprire un’attività, che preveda agevolazioni  al credito, sugli affitti e sulle tasse locali. Occorre infine la revisione della pianificazione territoriale, che non faciliti ulteriormente la grande distribuzione a scapito del piccolo commercio, anima e ricchezza dei nostri centri storici.”

Dalla ricerca sui  consumi delle famiglie in Emilia Romagna, curata da Nomisma per Confesercenti regionale, “emerge che ben il 92% delle famiglie ha cambiato i comportamenti di  acquisto negli ultimi 2-3 anni – sostiene il direttore di Confesercenti E.R., Stefano Bollettinari – e il 52% di queste ha diminuito la spesa. L’indagine dimostra che per incidere in maniera apprezzabile sui consumi delle famiglie nel 2014 occorrono, riduzioni del carico fiscale ben maggiori rispetto a quelle finora annunciate dal Governo ed è quindi questa la direzione da prendere. L’austerity da sola non fa che deprimere un contesto già debole e in grave difficoltà.”.

Silvia Zucconi (Responsabile della Promozione e Sviluppo di progetti relativi al settore Commercio e Consumi di Nomisma) nella sua relazione ha evidenziato che “La spesa media mensile delle famiglie dell’Emilia Romagna per il 2012 è stata di 2.834 euro; un dato superiore, rispetto alla media nazionale che si attesta a 2.419 euro, ma in calo rispetto al 2010 (-2%). I segni della riconfigurazione della spesa per consumi delle famiglie emergono non solo dalle statistiche ufficiali ma anche e soprattutto dall’indagine che Nomisma ha realizzato per Confesercenti Emilia Romagna. Il 92% delle famiglie dell’Emilia Romagna ha cambiato le abitudini di acquisto con l’obiettivo di risparmiare (il 49% ha radicalmente cambiato il proprio modello di consumo, il 43% lo ha fatto solo in parte). Sono le famiglie a basso reddito (68%) o quelle in cui almeno un componente ha perso il lavoro o è in cassa integrazione (69%) ad aver trasformato in modo radicale i comportamenti di acquisto; ma la crisi non ha risparmiato nemmeno le famiglie con figli dove la quota di nuclei che ha cambiato sostanzialmente le abitudini di consumo riguarda il 53% delle famiglie. La motivazione principale di tale trasformazione è evidente: la situazione economica delle famiglie dell’Emilia Romagna è “molto peggiorata” (lo dichiara il 13% dei responsabili degli acquisti) o “peggiorata” (50%). Come cambiano i comportamenti d’acquisto? Il 31% delle famiglie emiliano romagnole negli ultimi 2-3 anni ha acquistato di meno in generale (riducendo le quantità), il 25% compra solo in promozione, il 19% prima di acquistare un prodotto controlla i volantini, il 10% compra solo l’essenziale, l’8% compra marche che costano meno – conclude Zucconi.

Hanno partecipato, oltre ad un centinaio di imprenditori componenti l’Assemblea, per la Confesercenti E.R.  il presidente Roberto Manzoni e il direttore Stefano Bollettinari, il presidente della Confesercenti nazionale, Marco Venturi, l’assessore regionale al commercio e turismo, Maurizio Melucci,  nonché Sergio De Nardis, Chief economist di Nomisma, e Silvia Zucconi responsabile della Promozione e Sviluppo di progetti relativi al settore Commercio e Consumi di Nomisma, Massimo Foschi presidente della Confesercenti di Forlì e Monica Ciarapica presidente Asshotel di Cervia. L’Assemblea è stata l’occasione per fare il punto della situazione delle piccole e medie imprese e delle famiglie emiliano romagnole e del loro potere d’acquisto sulla base di una ricerca commissionata da Confesercenti E.R. a Nomisma.

DOWNLOAD

Per informazioni:
Ufficio Stampa Nomisma
Edoardo Caprino Tel. 339 5933457 -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Giulia Fabbri Tel.3456156164 –  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pubblicato in Comunicati Stampa
Pagina 3 di 3

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo. cookies