12 febbraio 2016 – L’economia italiana ancora lontana dal salto in avanti necessario per voltare pagina

Bologna, 12-02-2016 –“Un’economia che riemerge molto timidamente dalla peggiore recessione della storia repubblicana, ma che è ancora ben lontana dal fare il salto in avanti necessario per voltare pagina” - così Andrea Goldstein Managing Director di Nomisma commenta i dati Istat del quarto trimestre del 2015 contenuti nella Stima Flash diffusa oggi.

Sicuramente, dopo un triennio di contrazione (nel 2014 il Pil era sceso dello 0,4%), la cifra stimata per il 2015 sulla base dei dati trimestrali grezzi-  +0,7% (di un decimo inferiore una volta corretto per gli effetti del calendario)- è una boccata di ossigeno per l’Italia. Ma la crescita lievissima stimata per l’ultima parte del 2015 rispetto al trimestre precedente rivela preoccupanti segnali di rallentamento, prima ancora che si manifestasse l’accelerazione tanto attesa.

  Sul trimestre precedente In un anno
2014: Q4 0 -0,3
2015: Q1 0,3 0
2015: Q2 0,2 0,5
2015: Q3 0,2 0,9
2015: Q4 0,1 1,0

Meglio non leggere troppo dai dati trimestrali, ma balza all’occhio che il contributo della componente nazionale della domanda è negativo. Si conferma l’apporto positivo della componente estera netta, scongiurando per il momento il rischio del contagio del rallentamento cinese (del resto nel resto dell’Unione la crescita del Pil è molto più sostenuta che in Italia – vd. Tabella). Ma non di solo export può essere fatta la ripresa italiana.

  In termini
congiunturali tendenziali
Italia 0,1 1,0
Germania 0,3 1,7
Francia 0,2 1,3
Spagna (2015: Q3) 0,8 3,4
Regno Unito 0,5 1,9

Bisognerà attendere marzo per avere una prima stima ufficiale della crescita del Pil per il 2015, ma a questo punto è scontato che sarà inferiore alle previsioni di dicembre, quando l’Istat parlava di +0,8% (non corretto per gli effetti di calendario). Lontano, in ogni caso, l’obiettivo indicato a fine estate nella Nota di aggiornamento al Def (+0,9%).

La variazione acquisita per il 2016 è pari a +0,2% - la metà dell’effetto di carry-over che Destatis ha annunciato proprio oggi per la Germania. “Insomma, un bel po’ di strada rimane da fare per garantire i livelli necessari per confermare i primi timidi segni di riduzione della disoccupazione. Da fine 2015, il moltiplicarsi di fattori d’incertezza geopolitica a livello internazionale, poi esplosi con l’aggiustamento brutale delle Borse, mettono a dura prova le vendite sull’estero. E consumi e investimenti rischiano di non crescere affatto, soprattutto se il fronte meridionale dell’Eurozona entra di nuovo in fibrillazione, come lasciano presagire le nubi che si addensano all’orizzonte tra Atene e Lisbona”- conclude Goldstein.

DOWNLOAD

Per informazioni:
Ufficio Stampa Nomisma
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Edoardo Caprino – 339 5933457
Giulia Fabbri – 345 6156164

Quick Contact

051 6483111

Strada Maggiore, 44
40125 Bologna - Italy

contact form

Certificazione

Azienda con
Sistema Qualità Certificato

Certificato n.194221

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo. cookies