18 settembre 2018 - “Quale ruolo per l’Italia nella Nuova via della Seta?”

Roma, Camera dei Deputati - Sala Aldo Moro, ore 17 – L’incontro sarà l’occasione per presentare il rapporto, curato da Nomisma e dal Centro Studi sulla Cina Contemporanea (CSCC), “L’Italia e il progetto BRI – le opportunità e le priorità del sistema paese”.

La Belt and Road Initiative (BRI) è un’iniziativa promossa nel 2013 da Xi Jinping, Presidente della Repubblica Popolare e Segretario Generale del Partito Comunista Cinese. Denominata anche “Nuova via della Seta”, costituisce il tentativo di materializzare oltre frontiera la visione politica innovativa, ideata dalla leadership di Xi, con l’obiettivo di estendere e consolidare nel mondo intero, una presenza consona all’accresciuta dimensione politica, economica e finanziaria della Cina del XXI secolo.

I suoi obiettivi sono allo stesso tempo politici, accreditare la Nuova Cina nel mondo, ed economici, moltiplicare collegamenti e scambi tra Cina e il pianeta intero, partendo dalle regioni euro-asiatiche che collegano Cina ed Europa, lungo due direttrici: sulla terraferma, attraversando l’Asia Centrale, l’Europa Centrale e il Medio Oriente, e sul mare, passando per il Sud-est asiatico per arrivare fino all’Africa promuovendo commercio, turismo, investimenti e rapporti finanziari, e non solo sviluppo di infrastrutture (ferrovie, porti, strade, aeroporti, fibra ottica, e così via.). Oltre a obiettivi internazionali, politici ed economici, la BRI ha anche finalità interne, volte a favorire il riequilibrio del diverso grado di sviluppo delle province e delle regioni cinesi.

Lucio Poma, responsabile scientifico industria e innovazione di Nomisma, interverrà evidenziando gli impatti commerciali che la BRI può generare sull’Italia.

Consulta il programma dell’evento

Leggi il comunicato stampa

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo. cookies