Dall’industria alimentare lo slancio per l’aumento dell’occupazione di medici veterinari

11-04-2014 – Bologna. Domani 12 aprile 2014 sarà presentata a Firenze, durante il Consiglio Nazionale FNOVI, la nuova pubblicazione, curata da Nomisma per la Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani (FNOVI) dal titolo: LA PROFESSIONE MEDICO VETERINARIA: PROSPETTIVE FUTURE.

Per la prima volta il percorso di studio analizza le esigenze dei soggetti datoriali che possono dare impiego al medico veterinario (libera professione, imprese, associazioni di produttori, consorzi, enti pubblici, ricerca) attraverso un approccio metodologico unico ed originale. Sono state realizzate due indagini: la prima sui medici veterinari liberi professionisti (1.691 interviste) e la seconda sulle altre categorie di employer (502 interviste telefoniche e 18 interviste in profondità).

Gli obiettivi dello studio di Nomisma sono molteplici: fotografare lo scenario attuale per la professione, tracciare le linee di sviluppo di medio-lungo periodo, delineare i possibili percorsi di cambiamento che il medico veterinario dovrà mettere in campo e soprattutto individuare l’identikit delle competenze formative e professionali necessarie per soddisfare le esigenze del mercato occupazionale.
Porre l’accento sui bisogni di chi offre lavoro ai medici veterinari significa anche individuare il profilo del medico veterinario richiesto dal mercato in un orizzonte temporale futuro, offrendo così le suggestioni utili per supportare la costruzione delle competenze più idonee già nella fase più cruciale del percorso formativo del medico veterinario, l’università.

PERCHÉ GUARDARE AL FUTURO E PERCHÉ COMPRENDERE I FABBISOGNI DEL MERCATO OCCUPAZIONALE?

Innanzitutto perché il numero dei medici veterinari in Italia è più che raddoppiato in nemmeno 20 anni: nel 1995 gli iscritti agli Ordini erano 13.340 mentre oggi sono 30.415 (+128%). Ma la crescita di per sé non spiega le sole trasformazioni demografiche della professione.

Ci sono altri fattori di analisi che devono entrare nel campo di osservazione per leggere le trasformazioni demografiche della professione:

•la quota di iscritte femmine (è passata dal 22% nel 1995 al 42% nel 2013);

•l’incidenza delle iscritte femmine nel 2013 raggiunge il 65% tra i medici veterinari iscritti agli Ordini da “meno di 5 anni” mentre è pari al 29% tra quelli iscritti “da più di 10 anni”;

•la concentrazione della crescita degli iscritti nella fascia dei più giovani (+135% dal 2009 al 2013 nella fascia di età 24-34 anni a fronte di un +5% nella fascia 35-50 e un +9% negli over 50);

•il rapporto tra numero di medici veterinari e popolazione (VET ratio) è il più alto d’Europa (+48% tra il 1999 e il 2013);  

•l’ambito di attività prevalente per il medico veterinario è la libera professione (77%); il 15% è dipendente delle Aziende sanitarie locali. Solo il 2% è occupato presso imprese (food, feed, farmaceutiche) o associazioni del mondo produttivo.

L’elemento che impone di guardare ai fabbisogni e alle trasformazioni future del mercato occupazionale emerge dalla motivazione della scelta della libera professione: per il 23% dei liberi professionisti tale ambito di carriera è una scelta obbligata; se si valuta l’opinione dei giovani medici veterinari (fino a 35 anni) tale quota sale fino a raggiungere il 40%. L’interpretazione di tale dato non può essere ricondotta solo al tasso di disoccupazione giovanile che sta caratterizzando gli anni della lunga crisi economica, ma va anche collegato allo scollamento complessivo della possibilità di competere negli ambiti professionali e alle aspirazioni a monte dell’accesso universitario, legate soprattutto agli animali d’affezione che vedono, di fatto, la libera professione come l’unica opportunità professionale. 

Le opportunità legate all’ambito della libera professione sono complessivamente stabili, se non negative, tanto che i medici veterinari segnalano:

•Decremento (36%), o nella migliore delle ipotesi stabilità (40%) del proprio giro d’affari nel 2030;

•Di non avere in previsione nessun coinvolgimento del numero di medici veterinari coinvolti nella propria attività professionale (lo segnala il 73%).

L’opinione del medici veterinari non è complessivamente negativa solo per la propria attività, ma riguarda l’intera categoria professionale tanto è vero che il 58% ritiene che tra 15 anni il numero di medici veterinari in Italia sarà inferiore rispetto a quanto accade oggi. 

QUALI SONO LE VALUTAZIONI ESPRESSE SULLA PROFESSIONE DALLE ALTRE CATEGORIE DI EMPLOYER (IMPRESE, ASSOCIAZIONI DI PRODUTTORI, CONSORZI, ENTI PUBBLICI, RICERCA)?

Le attese degli employer per il 2030 sono più positive: il 65% prevede che, rispetto ad oggi, il numero di medici veterinari impiegati stabilmente sarà stabile (40%) o in crescita (25%). Tale quota sale al 73% nel caso delle imprese (food, feed, farmaceutiche). 

Ma quali saranno le competenze più richieste dagli employer per la figura del medico veterinario? Igiene e sicurezza degli alimenti (segnalata dal 51% delle imprese), qualità degli alimenti (38%), ma anche clinica e chirurgia degli animali d’affezione (38%) e benessere e nutrizione animale (15%). Anche le competenze complementari alla medicina veterinaria sono determinanti, sia dal punto di vista degli employer che degli stessi medici veterinari: innanzitutto competenze manageriali, conoscenze delle lingue straniere, capacità di negoziazione e comunicazione.

Per intercettare tali opportunità future servono cambiamenti, a partire dalla necessità di innovazione nell’attuale percorso formativo proposto in ambito universitario: solo il 5% degli employer lo ritiene completamente adeguato rispetto a quelle che saranno le esigenze del mercato occupazionale dei prossimi 15 anni. Infatti il 35% dichiara che è necessario un cambiamento profondo dell’università e il 50% ritiene comunque necessarie alcune correzioni. E un giudizio severo proviene dagli stessi universitari (il 30% ritiene opportuni adeguamenti e il 20% preferisce non rispondere). Alla stessa domanda non risparmiano critiche nemmeno i medici veterinari: il 78% dei liberi professionisti segnalano la necessità di trasformazione del percorso universitario per soddisfare le esigenze future del mercato.

INDAGINE EMPLOYER - CONSIDERANDO LE CARATTERISTICHE DEL MERCATO OCCUPAZIONALE DEI PROSSIMI 15 ANNI, SECONDO LEI, L’ATTUALE FORMAZIONE UNIVERSITARIA SARÀ ADEGUATA?

Fonte: indagine EMPLOYER Nomisma-FNOVI - La professione veterinaria, 2014.

 

QUALI SONO GLI AMBITI PROFESSIONALI DOVE SONO PREVISTE LE PRINCIPALI OPPORTUNITÀ PROFESSIONALI PER IL MEDICO VETERINARIO?

Sia i medici veterinari che gli employer sono d’accordo: sarà innanzitutto l’industria alimentare che maggiormente potrà incrementare il numero di medici veterinari impiegati stabilmente nel 2030.

In particolare gli employer dichiarano un incremento del numero nell’ambito dell’igiene e sicurezza degli alimenti (55%), qualità degli alimenti (52%), ma anche gestione degli allevamenti (30%). Un altro ambito d’interesse per la professione potrà essere quello della protezione ambientale (sicuramente in crescita per il 30%).

Ma vi sono alcuni importanti campanelli d’allarme da non trascurare.

Tra le motivazione della mancanza di coinvolgimento del medico veterinario da parte delle imprese food, feed, farmaceutiche non vi è solo la mancanza di necessità di tale profilo in senso generale (32%) o una esigenza solo occasionale (32%), ma, quel che più deve preoccupare, è la preferenza espressa dalle imprese verso altre figure (agronomi, biologi, tecnologi alimentari, …) con competenze ritenute più adeguate (20%) o con costi più bassi (4%).

QUALI SONO I MOTIVI PER CUI L’IMPRESA NON COINVOLGE MEDICI VETERINARI?

 

 Fonte: indagine Nomisma-FNOVI - La professione veterinaria, 2014.

“Ciò che rende unico il percorso di studio realizzato da Nomisma per il nostro settore è lo sguardo degli altri. Qui si parla di noi, medici veterinari, ma per la prima volta a farlo sono anche gli altri” dichiara Gaetano Penocchio – Presidente FNOVI “Ora il medico veterinario ha uno strumento per capire chi siamo per il “mondo del lavoro”, quanto ha bisogno della nostra professione e soprattutto quanto siamo preparati a rispondere o a stimolare la domanda di professionalità veterinarie.”

“Con questo studio FNOVI ha voluto porre al centro uno strumento innovativo che contribuisca a comprendere come il medico veterinario può restare competitivo e come può conquistare nuovi sbocchi occupazionali” continua Gaetano Penocchio – Presidente FNOVI.

“Il più grave errore di cui la professione medico veterinaria deve urgentemente liberarsi” dichiara Gaetano Penocchio – Presidente FNOVI “è di essersi cullata in una immagine di se stessa falsata da inquinamenti demagogici, indotti da una mitologia ingannevole cha ha creato un medico veterinario immaginario, che non serve, che nessuno cerca, che nessuno fa lavorare. Una ingannevole rappresentazione a danno di studenti, clienti/utenti della nostra Categoria. Idealizzare procura danni e i primi a subire i contraccolpi dell’idealizzazione sono i giovani iscritti, costretti a rinunciare di colpo al sogno, a cedere al ricatto di ribassare la propria professionalità fino a snaturarla e a sprofessionalizzarla, tanto nel pubblico come nel privato.”

“Questa pubblicazione e i suoi risultati devono divenire allora uno strumento attorno al quale decisori, politici, amministratori, operatori economici, media, opinione pubblica dovranno ragionare, con l’obiettivo di correggere lo strabismo che in tutti in questi anni ha fatto sì che i Medici Veterinari e “il resto del mondo” si guardassero con lenti sfuocate.”

       

DOWNLOAD

Per informazioni:
Ufficio Stampa Nomisma
Edoardo Caprino Tel. 339 5933457 -   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
Giulia Fabbri Tel.3456156164 –  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo. cookies