27 luglio 2015 - L’Iran senza sanzioni – Quali effetti sull’export agroalimentare italiano?

Photo by Always Shooting

Sebbene l’Iran non sia oggi tra i principali paesi destinatari del Made in Italy alimentare, con la fine delle sanzioni potrebbe aprirsi un mercato interessante per i prodotti italiani.

La ripresa nell’export di petrolio potrebbe, difatti, innescare una crescita dei redditi della popolazione e, di conseguenza, un aumento dei consumi alimentari di prodotti importati. Allo stesso tempo, anche il crescente appeal che gli stili occidentali suscitano nei consumatori iraniani (soprattutto tra la middle class e le generazioni più giovani) e l’apertura di nuovi ipermercati di stampo occidentale sul territorio iraniano lasciano presagire per i prossimi anni un incremento degli acquisti di beni alimentari d’importazione.

Le stime Nomisma indicano, di qui al 2018, una possibile crescita dell’export agroalimentare italiano in Iran tra 33 e 40 Milioni di euro contro gli attuali 20.

Scarica il report

Vai al Comunicato Stampa

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo. cookies