Indagine Nomisma per Esdebitami Retake: solo il 13% degli italiani guarda con ottimismo al 2024. Gen Z più ottimista

Ricerca

Il 2023 è stato senz’altro un anno complesso per le famiglie italiane, incastrate tra la morsa dell’inflazione e salari che non consentono di far fronte facilmente a tutte le spese. Secondo l’indagine realizzata da Esdebitami Retake in collaborazione con Nomisma l’aumento generale dei costi ha portato l’88% delle famiglie ad adottare strategie prudenziali e di risparmio. 

In questo scenario quando si pensa al futuro, o al lavoro, o più in generale alla condizione economica familiare, a prevalere è una scarsa fiducia, tanto che il 19% degli intervistati prevede un peggioramento del livello di soddisfazione nei confronti della vita in generale, mentre il 63% ritiene che la sua situazione rimarrà la stessa. Anche le previsioni che riguardano la situazione economica delle famiglie non sembrano delle migliori, al punto che solo il 13% degli italiani è convinto che il prossimo anno assisterà ad un miglioramento della propria situazione finanziaria, mentre il 29% ritiene che questa peggiorerà un po’ o addirittura nettamente (per il 6% degli intervistati). 

Anche sul fronte dei consumi appare inevitabile per molti una variazione dei comportamenti di spesa e persino una rinuncia agli acquisti superflui. Rispetto a un anno fa, il 37% delle famiglie dichiara di aver tagliato le spese per il tempo libero, il 36% quelle per le attività culturali e il 21% quelle per le attività sportive. Nel complesso, 1 famiglia su 3 è pronta a ridurre le spese complessive per far quadrare i conti. A fronte di una spesa imprevista di 5.000 euro, soltanto il 17% degli intervistati si dichiara pronto a gestirla senza nessuna difficoltà, mentre il 21% non saprebbe proprio come fare. 

L’indagine ha mappato anche le aspettative sul futuro della Generazione Z (target 18-25 anni), che malgrado la situazione contingente appare più ottimista della media: il 73% degli intervistati si dichiara infatti molto soddisfatto della sua vita e, guardando al 2024, quasi 2 giovani su 3 pensano che la propria vita migliorerà. Per 1 ragazzo su 2 l’obiettivo principale per il futuro è viaggiare ed esplorare il mondo, seguito dalla possibilità di avere un lavoro stabile (38%) e avere buone relazioni con gli altri (37%). Guardando al futuro, a preoccupare di più i ragazzi appartenenti a questa generazione è il cambiamento climatico (39%), seguito dalla salute e dal benessere psicologico (25%), la difficoltà nel trovare o mantenere un lavoro (25%) e la difficoltà economica personale o familiare (25%).

Immagine in evidenza di: Andrii Yalanskyi/Shutterstock

Richiedi informazioni

Vuoi ricevere chiarimenti o informazioni dettagliate sulle soluzioni che possiamo proporre a supporto del tuo business? Lascia i tuoi dati in questo form, verrai ricontattato al più presto.


    Aiutaci ad inviarti le comunicazioni di tuo interesse, segnalaci uno o più settori di tuo interesse *

    Resta sempre aggiornato su tutte le iniziative di Nomisma: eventi, iniziative e presentazioni di studi.
    Iscriviti alla newsletter mensile.